logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

Ministero Salute: PN Equità nella Salute 2021-2027

Programma Nazionale Equità nella Salute 2021-2027, approvato con Decisione di esecuzione della Commissione Europea C (2022) 8051 del 4 novembre 2022. Il PN  è finanziato a titolo del FESR (obiettivo Investimenti a favore dell'occupazione e della crescita), del FSE+, del Fondo di coesione, del JTF e del FEAMPA - articolo 21, paragrafo 3. L'Autorità di Gestione è istituita presso l’Ufficio 4 del Segretariato Generale del Ministero della Salute.

 

Obiettivo

Il Programma è rivolto alle sette Regioni italiane, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, classificate regioni meno sviluppate (RMS) e mira a rafforzare i servizi sanitari e socio-sanitari e renderne più equo l’accesso.

Il PN ha individuato quattro aree di bisogni sanitari che rappresentano “spazi” della salute dove è più urgente intervenire e dove è maggiormente necessaria un’iniziativa nazionale a supporto dell’organizzazione regionale e locale dei servizi sociosanitari.

A tali bisogni, il PN risponde con le seguenti aree di intervento:

  • contrastare la povertà sanitaria, che ha l’obiettivo di ridurre le barriere di accesso ai servizi sanitari e sociosanitari per le persone vulnerabili dal punto di vista socio-economico, mediante il paradigma della sanità pubblica di prossimità, dell’inclusione attiva, dell’integrazione sociosanitaria e di comunità
  • prendersi cura della salute mentale, che si pone l’obiettivo di rafforzare i servizi sanitari e potenziare le capacità dei DSM delle ASL/ASP sperimentando modelli integrati di collaborazione con i servizi sociali dei Comuni e gli Enti del Terzo Settore (ETS), orientati alla presa in carico personalizzata delle persone con problemi di salute mentale, per favorirne il recupero dell’autonomia personale e il ripristino delle competenze sociali
  • porre il genere al centro della cura, che intende rafforzare i servizi sanitari per rendere le problematiche della salute di genere centrali rispetto ai percorsi clinico-assistenziali relativi ad alcune delle principali patologie con prevalenza connessa al genere, nella consapevolezza della sua trasversalità e multidisciplinarità
  • assicurare una maggiore copertura degli screening oncologici, che ha l’obiettivo di migliorare l’efficacia e l’efficienza dei 3 programmi nazionali di screening (collo dell’utero, mammella e colon-retto) potenziando la capacità dei servizi sanitari di individuare e includere negli stessi programmi anche la popolazione in condizione di vulnerabilità socio-economica o che abita in aree remote o svantaggiate o che, per vari motivi, non ne fruisce, e modellizzando nuovi percorsi diagnostico terapeutico assistenziali (PDTA).

Il Programma prevede le seguenti Priorità:

  • Priorità: 1. Servizi sanitari più equi ed inclusivi 
  • Priorità: 2. Servizi sanitari di qualità
  • Assistenza tecnica.

Priorità: 1. Servizi sanitari più equi ed inclusivi 

Obiettivo specifico: ESO4.11. Migliorare l'accesso paritario e tempestivo a servizi di qualità, sostenibili e a prezzi accessibili, compresi i servizi che promuovono l'accesso agli alloggi e all'assistenza incentrata sulla persona, anche in ambito sanitario; modernizzare i sistemi di protezione sociale, anche promuovendone l'accesso e prestando particolare attenzione ai minori e ai gruppi svantaggiati; migliorare l'accessibilità l'efficacia e la resilienza dei sistemi sanitari e dei servizi di assistenza di lunga durata, anche per le persone con disabilità (FSE+)

Azioni previste:

  1. Presa in carico sanitaria e socio–sanitaria dei bisogni di salute delle persone in vulnerabilità socio economica relativamente all’area "Contrastare la Povertà sanitaria";
  2. Rafforzamento dei servizi sanitari e socio sanitari oggetto dell’intervento nelle 4 aree del programma.;
  3. Rafforzamento del partenariato di Programma sulle quattro aree d’intervento.

Priorità: 2. Servizi sanitari di qualità

Obiettivo specifico: RSO4.5. Garantire parità di accesso all'assistenza sanitaria e promuovere la resilienza dei sistemi sanitari, compresa l'assistenza sanitaria di base, come anche promuovere il passaggio dall'assistenza istituzionale a quella su base familiare e sul territorio (FESR).

Azioni previste:

  • Rafforzamento della resilienza e della capacità dei servizi sanitari e socio-sanitari di rispondere ai bisogni di salute attraverso interventi di adeguamento infrastrutturale, tecnologico-strumentale e forniture di dispositivi medici durevoli;
  • Aumento dell’utilizzo dei servizi sanitari e socio-sanitari attraverso azioni di rafforzamento della capacità dei servizi sanitari di erogare prestazioni appropriate alla popolazione target e azioni di sensibilizzazione sanitaria e per la salute.

Priorità Assistenza tecnica

La Priorità Assistenza Tecnica si pone a supporto della governance complessiva e dell'attuazione operativa del Programma Nazionale dedicato alle sette Regioni meno sviluppate, consentendo il necessario supporto tecnico e amministrativo per assicurare la corretta ed efficace attuazione degli interventi e delle Priorità del Programma.

Budget

Il Programma ha una dotazione di 625.000.000 euro, di cui:

  • Le azioni sono sostenute dal Fondo Sociale Europeo Plus (FSE+) per € 375.000.000;
  • Le azioni sono sostenute dal Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) per € 250.000.000;

Links e aggiornamenti

Ministero della Salute

Programma Nazionale Equità nella Salute

Pubblicato
30 Nov 2022
Ambito
Nazionale
Settori
Pubblica amministrazione, Sanità, Servizi, Sociale
Stanziamento
€ 625 000 000
Finalita'
Ammodernamento, Formazione, Inclusione social, Innovazione, Sviluppo
Ubicazione Investimento
Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia
Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.