logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

Ecco il testo dell'Accordo di partenariato sui fondi europei 2021-27

 

Fondi europei - Photo credit: @mara_carfagna on TwitterDopo le ultime modifiche richieste dalla Commissione, l'ultima versione del documento di programmazione, da circa 75 miliardi, tra fondi UE e cofinanziamento nazionale, datata 10 giugno, è stata inviata a Bruxelles ed è pronta per l'approvazione formale.

I fondi europei a disposizione dell'Italia nel settennato 2021-27

Il via libera ufficiale, atteso nell'arco di poche settimane, potrebbe arrivare, secondo quanto anticipato da Il Sole 24 Ore, il 19 luglio, in coincidenza con la visita in Italia della commissaria per la Coesione e le riforme Elisa Ferreira.

La proposta di Accordo di partenariato e di definizione dei criteri di cofinanziamento nazionale dei fondi europei della Politica di coesione 2021-2027 è stata approvata dal CIPESS nella seduta del 22 dicembre, insieme all'anticipazione di risorse alle Regioni e alle Province Autonome per interventi di immediato avvio dei lavori o di completamento di interventi in corso a valere sul Fondo sviluppo e coesione 2014-2020 e sul FSC 2021-2027, per complessivi 2,6 miliardi di euro.

Il 19 gennaio la ministra per il Sud e la Coesione Mara Carfagna ha annunciato l'avvio del negoziato formale con Bruxelles, sulla base dell'ultima bozza dell'Accordo di partenariato datata 17 gennaio. Negoziato formale partito in realtà dopo un intenso lavoro di confronto sul testo, che aveva condotto già a giugno 2021 a una prima bozza dell'Accordo di partenariato e poi a gennaio 2022 alla nuova versione.

L'iter UE prevede che la Commissione formuli, entro 90 giorni dalla ricezione formale della proposta, le proprie osservazioni, per eventuali modifiche al documento, e che lo approvi entro quattro mesi dalla ricezione. Nel caso dell'Italia, quindi, l'ok era atteso entro fine maggio. La tabella di marcia non è però stata rispettata: le osservazioni dell'Esecutivo UE sono arrivate nei tempi, il 2 marzo, ma solo in questi giorni si è arrivati a sciogliere gli ultimi aspetti critici del documento di programmazione, che si è assestato su una dotazione di 75 miliardi e 54,6 milioni di euro.

All'invio della versione aggiornata dell'Accordo di partenariato dovrà seguire a stretto giro la trasmissione dei Programmi operativi regionali e nazionali non ancora sottoposti a Bruxelles, per sbloccare il ciclo dei fondi UE 2021-27.

Quanto vale l'Accordo di partenariato 2021-27?

Le risorse programmate dall'Accordo di partenariato 2021-27 ammontano complessivamente a 75.054.620.183 euro, di cui 42.697.750.649 euro di fondi europei, in particolare risorse del Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR), del Fondo sociale europeo Plus (FSE+), del Fondo per una transizione giusta (Just Transition Fund – JTF), risorse assegnate all'Italia nell'ambito dell'Obiettivo Cooperazione territoriale europea (CTE) per la nuova generazione di programmi Interreg e a titolo del Fondo europeo per gli affari marittimi, la pesca e l'acquacoltura (FEAMPA).

I restanti 32.356.869.534 euro costituiscono il cofinanziamento nazionale.

La proposta di Accordo datata 10 giugno risulta ridimensionata rispetto agli 82,2 miliardi della bozza del giugno 2021, che si basava su un cofinanziamento nazionale di circa 40 miliardi di euro.

Il cofinanziamento nazionale massimo autorizzato dalla delibera CIPESS del 22 dicembre - comprensivo di eventuali interventi e Programmi complementari ai PON e ai POR a valere sui fondi FESR e FSE Plus e ai Programmi JTF, CTE, FEAMPA 2021-2027 - potrà in ogni caso arrivare fino alla soglia di 41,1 miliardi. "I valori effettivi delle risorse nazionali finalizzate al cofinanziamento dei Programmi europei 2021-2027", si legge però nella delibera, "saranno stabiliti in sede di decisioni comunitarie di adozione o modifica dei singoli Programmi" e "l’eventuale eccedenza tra i valori massimi e quelli risultanti dalle decisioni comunitarie è destinata a programmi o interventi complementari nel rispetto dell’allocazione territoriale delle risorse e secondo le modalità stabilite in sede di disciplina di Programmi o interventi complementari".

Per quanto riguarda la classificazione delle regioni, tra quelle in transizione si conferma l'Abruzzo, cui si aggiungono Umbria e Marche, che erano considerate più sviluppate nel ciclo 2014-2020. Le regioni meno sviluppate sono quelle rimanenti del Mezzogiorno (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, cui si aggiungono Molise e Sardegna, prima in transizione), mentre le più sviluppate sono tutte le altre del Centro-Nord.

L'Italia ha scelto di non usufruire della possibilità offerta dal nuovo quadro legislativo della Politica di Coesione di trasferire risorse tra regioni, mentre ha optato per l'utilizzo del trasferimento di risorse tra i fondi strutturali. Nello specifico, 237,6 milioni di euro a titolo del FESR sono stati assegnati al FSE+ “in considerazione dei fabbisogni in ambito sociale, occupazionale e di istruzione/formazione”.

Quadro finanziario fondi europei 21-27 - Fonte: bozza Accordo di partenariato del 10.06.2022

Quadro finanziario fondi europei 21-27 - Fonte: bozza Accordo di partenariato del 10.06.2022

Per approfondire: Il pacchetto legislativo della Politica di Coesione 2021-2027

Cosa farà l'Italia con i fondi europei 2021/27?

La strategia alla base dell’Accordo di partenariato 2021-2027 prevede che i fondi europei disponibili siano indirizzati al conseguimento degli obiettivi in materia di ambiente e clima posti dall'European Green Deal europeo e al perseguimento di una società più giusta e inclusiva, in linea con il Pilastro europeo dei diritti sociali.

Gli interventi, si legge nella bozza di Accordo di gennaio, sono quindi volti a contribuire “alla necessaria trasformazione verso modelli produttivi totalmente sostenibili e l’utilizzo diffuso delle tecnologie digitali (transizione verde e digitale) in coerenza e a sostegno agli obiettivi di coesione ed equità economica, sociale e territoriale”, presentando particolare attenzione “ai territori e contesti più fragili dal punto di vista socio-economico e geografico (aree marginali, periferie urbane, quartieri disagiati, aree di montagna, insulari, aree esposte a rischi naturali, aree di transizione industriale), alle categorie e persone più vulnerabili, alla piena valorizzazione delle energie dei giovani e delle donne, al contrasto di ogni forma di discriminazione e alla promozione della partecipazione responsabile delle imprese con investimenti indirizzati a percorsi di sviluppo sostenibili e in grado di fornire occasioni di lavoro di qualità”.

I fondi UE saranno quindi investiti allo scopo di:

  • fornire energia pulita e sicura, a prezzi accessibili;
  • accelerare il passaggio a una mobilità sostenibile e intelligente;
  • mobilitare l'industria per un'economia pulita e circolare;
  • realizzare ristrutturazioni efficienti sotto il profilo energetico;
  • ambire ad azzerare l'inquinamento per un ambiente privo di sostanze tossiche;
  • preservare e ripristinare gli ecosistemi e la biodiversità;
  • rendere le regioni, le città e le infrastrutture nuove o esistenti resilienti agli impatti dei cambiamenti climatici;
  • mobilitare la ricerca e promuovere l'innovazione,
  • favorire l’accrescimento delle conoscenze e delle competenze per la sostenibilità.

In linea generale, tutte le tipologie di intervento dovranno massimizzare il contrasto al cambiamento climatico e tenere conto del principio "non arrecare un danno significativo" negli investimenti realizzati.

Questo il quadro degli obiettivi specifici perseguiti con riferimento a ciascun dei cinque obiettivi strategico di policy della Politica di Coesione 2021-2027:

Obiettivo strategico di Policy 1 – Un’Europa più intelligente

  • Ricerca e innovazione (Obiettivo specifico 1.I)
  • Digitalizzazione (Obiettivo specifico 1.II)
  • Crescita e competitività delle PMI (Obiettivo specifico 1.III)
  • Competenze per la transizione industriale (Obiettivo specifico 1.IV)
  • Rafforzare la connettività digitale (Obiettivo specifico 1.V)

Obiettivo strategico di Policy 2 – Un’Europa più verde

  • Energia (Obiettivi specifici 2.I, 2.II, 2.III)
  • Clima e rischi (obiettivo specifico 2.IV)
  • Risorse idriche, gestione dei rifiuti e economia circolare (obiettivi specifici 2.V e 2.VI)
  • Biodiversità e inquinamento (obiettivo specifico 2.VII)
  • Mobilità urbana sostenibile (Obiettivo Specifico 2.VIII)

Obiettivo strategico di Policy 3 – Un’Europa più connessa

  • Reti TEN-T (Obiettivo Specifico 3.I)
  • Mobilità di area vasta (Obiettivo Specifico 3.II)

Obiettivo strategico di Policy 4 – Un’Europa più sociale e inclusiva

  • Occupazione (Obiettivi specifici FSE Plus 4.a, 4.b, 4.c, 4.d e FESR 4.I)
  • Istruzione, formazione e competenze (Obiettivi specifici FSE Plus 4.e, 4.f ,4.g e FESR 4.II)
  • Inclusione e protezione sociale (Obiettivi specifici FSE Plus 4.h, 4.i, 4.j, 4.k, 4.l, 4.m e FESR 4.III, 4.IV e 4.V)
  • Cultura e turismo (Obiettivo specifico FESR 4.VI)

Obiettivo strategico di Policy 5 – Un’Europa più vicina ai cittadini

Per quanto riguarda il Fondo per una transizione giusta, il Just Transition Fund (JTF) ha come obiettivo specifico quello di consentire ai territori ed alle persone che li abitano di affrontare l'impatto sociale, occupazionale, economico ed ambientale della transizione verso un'economia climaticamente neutra. L'Italia ha previsto due Piani territoriali di transizione, uno per l’area del Sulcis Iglesiente e uno per l’area funzionale di Taranto, che indicano le aree di intervento, le sfide sociali, economiche ed ambientali oggetto dell'azione pubblica e le necessità ed opportunità di diversificazione economica, riqualificazione professionale e risanamento ambientale.

Quali sono i nuovi Programmi operativi 2021-27?

La scelta di gestire a livello centrale i fondi di REACT-EU, assegnandoli a misure e progetti di dimensione nazionale, dalla decontribuzione Sud al Fondo nuove competenze, e l'incertezza sull'effettivo riparto tra i territori delle risorse del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR), hanno complicato il negoziato interno sull'Accordo di partenariato 2021-27. Le regioni hanno chiesto infatti di poter gestire direttamente una quota significativa della nuova programmazione dei fondi strutturali europei e di far corrispondere al taglio del numero dei PON anche una riduzione dell'incidenza della programmazione nazionale sul budget totale.

L'impianto progettato dalla ministra Carfagna individua quindi dieci PON, rispetto ai 13 della scorsa programmazione, cui andrà circa un terzo dei fondi 2021-27:

PON Metro Plus e città medie del Sud (FESR-FSE Plus)

Successore del PON Città Metropolitane, potenziato con l'estensione alle città medie del Mezzogiorno, in aggiunta alle 14 Città metropolitane, e il nuovo focus sulla qualità della vita nelle aree periferiche e marginali, dispone tra fondi UE e cofinanziamento nazionale di circa 3 miliardi:

  • FESR Più sviluppate 720.000.000 euro
  • FESR Meno sviluppate 1.156.666.667 euro
  • FSE+ Più sviluppate 337.500.000 euro
  • FSE+ Meno sviluppate 788.333.333 euro

PON Capacità per la coesione (FESR), l'ex PON Governance, dedicato all'assistenza tecnica e al potenziamento delle strutture amministrative impegnate nella gestione dei fondi UE, in particolare attraverso il reclutamento di alte professionalità a tempo determinato, vale, tra fondi UE e cofinanziamento, oltre 1,2 miliardi:

  • FESR Più sviluppate 41.000.000 euro
  • FESR In transizione 9.000.000 euro
  • FESR Meno sviluppate 1.050.666.667 euro
  • FSE+ Più sviluppate 43.600.000 euro
  • FSE+ In transizione 8.500.000 euro
  • FSE+ Meno sviluppate 114.666.667 euro

PON Scuola e competenze (FESR-FSE Plus)

Dedicato al contrasto alla povertà educativa e la dispersione scolastica, con particolare attenzione al Sud, il Programma operativo vale complessivamente circa 3,7 miliardi, di cui:

  • FESR Più sviluppate 30.000.000 euro
  • FESR In transizione 95.000.000 euro
  • FESR Meno sviluppate 834.723.333 euro
  • FSE+ Più sviluppate 924.999.943 euro
  • FSE+ In transizione 225.000.363 euro
  • FSE+ Meno sviluppate 1.671.264.395 euro

PON Giovani, donne e lavoro (FSE Plus)

Diretto a sostenere la creazione di nuova occupazione giovanile e femminile di qualità e finanziato dal solo Fondo sociale europeo Plus, e relativo cofinanziamento, vale oltre 5 miliardi di euro:

  • FSE+ Più sviluppate 1.575.000.000 euro
  • FSE+ In transizione 278.335.000 euro
  • FSE+ Meno sviluppate 3.235.333.333 euro

PON Inclusione e lotta alla povertà (FESR-FSE Plus)

Rinnovato con un nuovo focus su minori in condizioni di disagio, anziani non autosufficienti e disabili, vale circa 4 miliardi:

  • FESR Più sviluppate 375.000.000 euro
  • FESR In transizione 29.200.000 euro
  • FESR Meno sviluppate 50.000.000 euro
  • FSE+ Più sviluppate 1.279.485.000 euro
  • FSE+ In transizione 162.847.500 euro
  • FSE+ Meno sviluppate 2.066.666.667 euro

PON Cultura (FESR)

Volto a rivitalizzare e promuovere spazi e luoghi della cultura nelle sole regioni meno sviluppate, vale 648,3 milioni di euro, tra fondi UE e cofinanziamento nazionale.

PON Innovazione, ricerca e competitività per la transizione verde e digitale (FESR)

Il Programma operativo che unisce gli interventi in passato distribuiti tra MISE e MUR e prevede anche azioni in materia di energia, si rivolge alle sole regioni meno sviluppate con fondi per 5 miliardi e 636 milioni tra fondi Fondo europeo di sviluppo regionale e relativo cofinanziamento.

PON Sicurezza per la legalità (FESR)

Diretto a tutelare lo sviluppo economico dei territori, attraverso il contrasto alle attività criminali e illecite e il rafforzamento dei presidi di sicurezza nelle sole regioni meno sviluppate, alla luce dei ritardi della programmazione 2014-2020 è stato ridimensionato a una dotazione totale di 235,2 milioni di euro.

PON Equità nella Salute (FESR-FSE Plus)

Il nuovo Programma nazionale volto ad affrontare le disparità territoriali nell'accesso ai servizi sanitari e al rafforzamento di medicina di genere, prevenzione e tutela delle persone con disagio psichico, in particolare tra le fasce più vulnerabili nelle regioni meno sviluppate, vale in tutto 250 milioni di euro.

Programma per la transizione giusta (JTF)

Il Piano finanziato dal Just Transition Fund, a gestione nazionale ma a vocazione territoriale, è rivolto alla decarbonizzazione delle aree di Taranto e del Sulcis Iglesiente. In totale può contare su oltre 8,2 miliardi di euro.

A questi si aggiunge il Programma operativo FEAMPA 2021-27, a carico del nuovo Fondo europeo per gli affari marittimi, la pesca e l'acquacoltura. La dotazione complessiva sarà pari a 987.290.803 euro, di cui 518,2 milioni di fondi UE e circa 469 milioni di cofinanziamento nazionale.

I restanti due terzi del budget andranno ai Programmi operativi regionali, i POR FESR e i POR FSE+, con solo quattro regioni che hanno optato per Programmi plurifondo, uno in più (la Basilicata) rispetto alla scorsa programmazione:

  • POR Molise FESR FSE+ 2021-2027
  • POR Puglia FESR FSE+ 2021-2027
  • POR Calabria FESR FSE+ 2021-2027
  • POR Basilicata FESR FSE+ 2021-2027
  • POR Abruzzo FSE+ 2021-2027 e POR Abruzzo FESR 2021-2027
  • POR Campania FSE+ 2021-2027 e POR Campania FESR 2021-2027
  • POR Emilia Romagna FSE+ 2021-2027 e POR Emilia Romagna FESR 2021-2027
  • POR Friuli Venezia Giulia FSE+ 2021-2027 e POR Friuli Venezia Giulia FESR 2021-2027
  • POR Lazio FSE+ 2021-2027 e POR Lazio FESR 2021-2027
  • POR Liguria FSE+ 2021-2027 e POR Liguria FESR 2021-2027
  • POR Lombardia FSE+ 2021-2027 e POR Lombardia FESR 2021-2027
  • POR Marche FSE+ 2021-2027 e POR Marche FESR 2021-2027
  • POR Provincia autonoma di Bolzano FSE+ 2021-2027 e POR Provincia autonoma di Bolzano FESR 2021-2027
  • POR Provincia autonoma di Trento FSE+ 2021-2027 e POR Provincia autonoma di Trento FESR 2021-2027
  • POR Piemonte FSE+ 2021-2027 e POR Piemonte FESR 2021-2027
  • POR Sardegna FSE+ 2021-2027 e POR Sardegna FESR 2021-2027
  • POR Sicilia FSE+ 2021-2027 e POR Sicilia FESR 2021-2027
  • POR Toscana FSE+ 2021-2027 e POR Toscana FESR 2021-2027
  • POR Umbria FSE+ 2021-2027 e POR Umbria FESR 2021-2027
  • POR Valle d'Aosta FSE+ 2021-2027 e POR Valle d'Aosta FESR 2021-2027
  • POR Veneto FSE+ 2021-2027 e POR Veneto FESR 2021-2027.

Infine, vi sono una serie di Programmi di cooperazione territoriale europea (CTE), i cosiddetti Programmi Interreg:

  • Urbact IV
  • (Interreg VI-B) Euro Mediterranean (EURO MED)
  • (Interreg VI-A) IPA CBC South Adriatic (Italy-Albania-Montenegro)
  • (Interreg VI-B) Adriatic-Ionian
  • (Interreg VI-A) NEXT Italy Tunisia
  • (Interreg VI-B) NEXT Mediterranean Sea Basin (NEXT MED)
  • (Interreg VI-A) Greece-Italy
  • (Interreg VI-A) Italy-France (Maritime)
  • (Interreg VI-A) France-Italy (ALCOTRA)
  • (Interreg VI-A) Italy-Switzerland
  • (Interreg VI-A) Italy-Slovenia
  • (Interreg VI-A) Italy-Malta
  • (Interreg VI-A) Italy-Croatia
  • (Interreg VI-A) Italy-Austria
  • (Interreg VI-C) Interreg Europe
  • (Interreg VI-C) Interact
  • ESPON 2030 Cooperation Programme
  • (Interreg VI-B) Alpine Space
  • (Interreg VI-B) Central Europe

Consulta la proposta di Accordo di partenariato 2021/2027 dell'Italia - versione del 10 giugno 2022

Consulta la delibera CIPESS del 22 dicembre 2021 - Approvazione della proposta di accordo di partenariato 2021-2027 e definizione dei criteri di cofinanziamento pubblico nazionale dei programmi europei per il ciclo di programmazione 2021-2027

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.