logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

Approvato il programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2021-2027

 

Interreg Italia-Francia Marittimo - photo credit Polina Kovaleva via PexelsA disposizione ci sono oltre 193 milioni di euro per sostenere progetti di cooperazione transfrontaliera tra alcune regioni italiane e francesi che si affacciano sul Mar Tirreno.

Interreg 2021-2027: a quali programmi partecipa l'Italia?

Gli interventi saranno finanziati con appositi bandi annuali, che partiranno nel 2022.

Cosa finanzierà il programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2021-2027?

Il programma - adottato dalla Commissione UE durante l'estate - finanzierà progetti presentati da soggetti pubblici e privati con riferimento a 5 priorità:

  • Priorità 1 - Un'area transfrontaliera attrattiva, improntata alla modernizzazione intelligente e sostenibile
  • Priorità 2 - Un'area transfrontaliera resiliente ed efficiente dal punto di vista delle risorse
  • Priorità 3 - Un’area transfrontaliera connessa fisicamente e digitalmente
  • Priorità 4 - Un'area transfrontaliera efficiente in capitale sociale e che si distingue per la qualità del suo capitale umano
  • Priorità 5 - Una migliore governance transfrontaliera

L'obiettivo è affrontare 5 macro-sfide:

  • Innovazione, competitività e crescita sostenibile al centro: il focus è sulla crescita sostenibile, la competitività delle PMI, lo sviluppo delle competenze per la specializzazione intelligente, la transizione industriale e l'imprenditorialità
  • Il territorio ed il suo ambiente al centro: lo scopo è affrontare l'adattamento al cambiamento climatico e la prevenzione del rischio di catastrofi, la resilienza, in una visione ecosistemica; gli obiettivi riguardano il miglioramento della protezione della natura e la biodiversità, delle infrastrutture verdi, in particolare nell'ambiente urbano, la riduzione dell'inquinamento e la promozione della transizione verso un'economia circolare 
  • L’accessibilità al centro: la sfida è incentrata sullo sviluppo e il potenziamento di una mobilità, regionale e locale sostenibile, resiliente al clima, intelligente e intermodale, compreso un migliore accesso alle TEN-T e alla mobilità transfrontaliera
  • Il capitale umano al centro: questa sfida risponde, da un lato, all’obiettivo di migliorare l'efficacia dei mercati del lavoro e l'accesso a un'occupazione di qualità
  • La coesione transfrontaliera al centro: la sfida è dedicata al miglioramento della capacità istituzionale delle autorità pubbliche, in particolare quelle incaricate di gestire un territorio specifico, e delle parti interessate; al miglioramento dell'efficienza della pubblica amministrazione promuovendo la cooperazione giuridica e amministrativa e la cooperazione tra i cittadini e le istituzioni al fine di risolvere gli ostacoli giuridici e di altro tipo nell'area transfrontaliera; costruire la fiducia reciproca, in particolare incoraggiando le azioni people to people.

Il programma prevede da un lato una serie di tematiche trasversali - digitalizzazione, insularità, neutralità climatica, transizione ecologica e industriale - dall'altro si concentra su alcune filiere strategiche: nautica e cantieristica navale, turismo innovativo e sostenibile, biotecnologie ed energie rinnovabili.

Le risorse a disposizione ammontano a 193.296.077 euro, di cui 154.636.861 a valere sul FESR, il Fondo europeo di sviluppo regionale.

Il territorio di riferimento del programma comprende:

  • per l'Italia: la Sardegna (province di Sassari, Nuoro, Cagliari, Oristano, Olbia-Tempio, Ogliastra, Medio-Campidano, Carbonia-Iglesias), la Liguria (province di Imperia, Savona, Genova, La Spezia) e le cinque province della costa Toscana (Massa-Carrara, Lucca, Pisa, Livorno, Grosseto)
  • per la Francia: Collectivité de Corse e Région Sud Provence-Alpes-Côte d’Azur

Interreg Marittimo Italia Francia

Consulta il Programma

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.