logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

Marche: a breve i primi strumenti anticrisi delle Pmi

 
Saranno pubblicati entro pochi giorni i primi bandi anticrisi,nati dall'unione tra Regione, Province, istituti di credito, Camere di Commercio e le associazioni di categoria, per rispondere alle necessità del territorio marchigiano. L'intervento previsto, finalizzato ad alleggerire i debiti delle imprese con le banche e al sostegno degli investimenti, al momento ha risorse per 5 milioni di euro dalla Regione e per 3,5 milioni dalle Province e dalle Camere di Commercio di Ascoli, Fermo, Macerata ed Ancona.
L'intervento ha l'obiettivo di creare le condizioni per il rilancio, la ricerca di nuove opportunita` e nuovi mercati per tutte le imprese della regione in temporanea crisi produttiva e/o di mercato.
 
Gli strumenti riguardano il Fondo di solidarietà, per cui sono state varate le seguenti proposte:
  • alleggerire l'esposizione finanziaria delle imprese nel breve periodo mediante la concessione di garanzie di secondo grado, costituendo un apposito fondo dedicato per il consolidamento delle passivita` da breve a medio termine legato alla riapertura o stabilizzazione dei rapporti tra impresa e banca. (Il Plafond garantito massimo per impresa ammonta a euro 500.000 anche se frazionato ed è della durata di 48 mesi);
  • consentire un maggiore accesso ad interventi finanziari per processi di riconversione produttiva e di ristrutturazione di imprese operanti nella subfornitura il cui mercato ha subito forti contrazioni. (Il Plafond garantito massimo per impresa è di euro 1.000.000 anche se frazionato, e della durata di 60 mesi). La copertura della garanzia di primo grado non potra` essere superiore al 60%.
Per quanto riguarda i Fondi Bei, l'obiettivo sarebbe di raddoppiare i 100 milioni di euro disponibili per favorire l'aggregazione e la capitalizzazione delle imprese attraverso l'intervento co-finanziario della banca che li dovrà gestire in base all'aggiudicazione della gara.
(Fonte: Regione Marche)
Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.