logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

Bonus Sud – Agenzia Entrate, cambia il modello di comunicazione

 

Bonus investimenti SudL'Agenzia delle Entrate ha aggiornato il modello di comunicazione per la fruizione del credito d’imposta per gli investimenti nel Mezzogiorno, noto anche come Bonus investimenti Sud.

MISE - novita' su Credito imposta investimenti Mezzogiorno

Con provvedimento del 29 dicembre 2017 l'Agenzia delle Entrate ha adeguato il modello di comunicazione per la fruizione del bonus investimenti Sud al Regolamento Ue 2017/1084 del 14 giugno 2017, che ha rivisto la normativa sui regimi di aiuti a finalità regionale.

Bonus Investimenti Sud – circolare Entrate 12/E-2017 su credito d'imposta

Le novità sugli aiuti a finalità regionale

Il Regolamento Ue 2017/1084 è intervenuto sulle norme in materia di aiuti a finalità regionale, prevedendo:

  • la soppressione della disposizione che escludeva dal campo di applicazione degli aiuti a finalità regionale i beneficiari che, nei due anni precedenti la domanda di aiuti agli investimenti, avevano chiuso una stessa attività o un’attività analoga nel SEE o che avevano concretamente in programma di farlo entro 2 anni dal completamento dell’investimento;
  • l’introduzione di una nuova disposizione che obbliga il beneficiario che presenta domanda di aiuti a finalità regionale agli investimenti a confermare che non ha effettuato una delocalizzazione verso lo stabilimento in cui deve svolgersi l’investimento iniziale per il quale è richiesto l’aiuto nei due anni precedenti la domanda di aiuto ed a impegnarsi a non farlo nei due anni successivi al completamento dell’investimento iniziale per il quale è richiesto l’aiuto.

Il testo del Decreto Mezzogiorno – incentivi Resto al Sud ai giovani e ZES

Le modifiche al modello di comunicazione per il bonus Sud

Alla luce di queste novità, con il provvedimento del 29 dicembre l'Agenzia delle Entrate ha aggiornato il modello di comunicazione approvato il 14 aprile 2017 per la fruizione del credito di imposta per gli investimenti in beni strumentali nuovi destinati a strutture produttive ubicate nelle zone assistite delle regioni Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Molise, Sardegna e Abruzzo.

Queste le modifiche:

  • nel frontespizio del modello, nel riquadro “DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO”, nella lettera o) sono aggiunte alla fine le seguenti parole: “ (la presente dichiarazione è resa in caso di rettifica di una precedente comunicazione trasmessa entro il 10 gennaio 2018), oppure dichiara che nei due anni precedenti la domanda di aiuti a finalità regionale agli investimenti l’impresa non ha effettuato una delocalizzazione verso lo stabilimento in cui deve svolgersi l’investimento iniziale per il quale è richiesto l’aiuto e si impegna a non farlo nei due anni successivi al completamento dell’investimento iniziale oggetto dell’aiuto nella zona interessata, come previsto dall’art. 14, par. 16, del Regolamento (UE) n. 651/14, come modificato dal Regolamento (UE) 2017/1084 (quest’ultima dichiarazione è resa in caso di comunicazione presentata dall’11 gennaio 2018)”;
  • alla pagina 3 delle istruzioni, al paragrafo “Dichiarazione sostitutiva di atto notorio”, nel secondo periodo, dopo le parole “Regolamento (UE) n. 651/2014” sono aggiunte le seguenti parole “e al Regolamento (UE) 2017/1084”;
  • alla pagina 6 delle istruzioni, al quadro C “Elenco soggetti sottoposti alla verifica antimafia”, nel terzo periodo, dopo le parole “2. Direttore tecnico” sono aggiunte le seguenti parole “, Responsabile tecnico, Preposto alla Gestione tecnica”, dopo le parole “8. Membro del collegio sindacale” sono aggiunte le seguenti parole “, effettivo o supplente”, dopo le parole “12. Responsabile di sede secondaria oppure di stabile organizzazione in Italia di soggetto non residente” sono aggiunte le seguenti parole “13. Procuratore, Procuratore speciale” e dopo il quarto periodo è aggiunto il seguente periodo “Per familiari conviventi si intende chiunque conviva (purché maggiorenne) con i soggetti da controllare ex art. 85 del D.Lgs n. 159 del 2011”.

Il nuovo modello sostituisce il precedente a partire dall’11 gennaio 2018.

Provvedimento del 29/12/2017

> Nuovo modello

> Istruzioni per la compilazione

Photo credit: Mixabest

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.