logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

Europa Creativa: in arrivo call per la mobilita' di artisti e professionisti

Europa CreativaLa Commissione europea annuncia due progetti dal valore complessivo di 1,5 milioni di euro per dare continuità allo strumento del programma Europa Creativa dedicato alla mobilità degli artisti e dei professionisti in ambito culturale. Le call partiranno nel 2021.

Parlamento UE: il 2% del Recovery Fund sia destinato al settore culturale

Dopo mesi di dure restrizioni per affrontare l'emergenza Covid-19, i cui effetti si sono rivelati devastanti per il settore culturale, torna i-Portunus, l'iniziativaeuropea per la mobilità per artisti e professionisti della cultura.

Due i nuovi progetti dello strumento UE, finanziato dal programma Europa Creativa:

  • il primo, che partirà a dicembre 2020, ma con call nel 2021, sarà rivolto agli artisti impegnati nel settore dell'editoria, dell'architettura, dei beni culturali e della musica, nonché ai professionisti della cultura in qualsiasi settore, escluso quello dell'audiovisivo;
  • il secondo, invece, dovrebbe partire direttamente nel 2021 e sosterrà la mobilità di artisti e professionisti della cultura, attraverso il finanziamento di strutture o istituzioni ospitanti.

Europa Creativa: Heritart, progetto UE su beni culturali e spettacolo

Il progetto i-Portunus per la mobilità degli artisti

i-Portunus - realizzato dal  consorzio composto da Goethe-Institut (Germania), Institut français (Francia), Nida Art Colony of Vilnius Academy of Arts (Lituania) e Izolyatsia (Ucraina) - è un progetto europeo nato per facilitare la mobilità transfrontaliera degli artisti nel contesto della nuova agenda europea per la cultura adottata nel 2018.

Per poter beneficiare del sostegno di i-Portunus, nelle call precedenti i candidati dovevano dimostrare di avere un obiettivo specifico ben definito, come sviluppare una collaborazione internazionale, impegnarsi in una residenza orientata alla produzione o nello sviluppo professionale nel paese di destinazione.

Nel 2019 è stato investito un milione di euro per il progetto i-Portunus, che, grazie ad apposite call, ha finanziato i soggiorni lavorativi all'estero, compresi tra 15 e 85 giorni, di 343 artisti e professionisti della cultura, provenienti da 36 paesi diversi e attivi nel campo delle arti performative o visive. 

I beneficiari hanno ricevuto un contributo per coprire le spese di viaggio e di permanenza, da un minimo di 1.500 euro ad un massimo di 3.000 euro.

Con i-Portunus la Commissione UE sta sperimentando l'impatto degli interventi di mobilità rivolti agli artisti, che diventeranno permanenti nel quadro del programma Europa Creativa 2021-27.

Manovra 2020: misure per cultura, spettacolo ed editoria

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.