logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

Chi si e’ aggiudicato i fondi pubblici per le tecnologie emergenti 5G

5G - Photo by bruce mars from PexelsSIAE, le università di Cassino e Cagliari, AGID, il Politecnico di Bari e il Comune di Catanzaro si aggiudicano le risorse MISE per il supporto alle tecnologie emergenti nell'ambito del 5G.

I fondi europei per la trasformazione digitale

Il ministero dello Sviluppo economico ha infatti approvato la graduatoria finale dei progetti presentati per la sperimentazione, ricerca applicata e trasferimento tecnologico, basati sull’utilizzo di tecnologie quali Blockchain, Intelligenza Artificiale e Internet of Things collegate allo sviluppo delle reti di nuova generazione 5G.

Cosa prevede il programma per le tecnologie emergenti 5G

L'obiettivo di fondo è realizzare framework progettuali che possano costituire dei volani per lo sviluppo imprenditoriale sul territorio, e si compone di due Assi di intervento tra loro sinergici: Casa delle tecnologie emergenti e Progetti di ricerca e sviluppo.

Il primo Asse - dedicato agli incubatori di startup e cui sono stati destinati 30 milioni di euro - permetterà di realizzare a Torino, Roma, Catania, Cagliari, Genova, Milano, Prato, L’Aquila, Bari e Matera le Case delle tecnologie emergenti, centri di trasferimento tecnologico finalizzati a supportare progetti di ricerca e sperimentazione, a sostenere la creazione di startup e a favorire il trasferimento tecnologico verso le PMI, sui temi del Blockchain, dell’IoT e dell’Intelligenza Artificiale.

Il secondo Asse, invece, prevede la realizzazione di specifici progetti relativi alle tecnologie emergenti e allo sviluppo delle reti di nuova generazione. I progetti selezionati dal MISE riguardano appunto quelli presentati a valere sul secondo asse. 

> Ecco il programma per le tecnologie emergenti 5G

Chi si e’ aggiudicato i fondi pubblici per le tecnologie emergenti 5G?

I 6 progetti, ammessi al finanziamento per un importo complessivo di oltre 4 milioni di euro, riguardano la sperimentazione di forme innovative di mobilità, gestione dei beni pubblici, valorizzazione di beni e attività culturali e dei servizi innovativi per la cittadinanza.

17 in totale le proposte ammesse alla graduatoria finale che vede in pole position la Siae e l’Università di Cassino a pari merito con 27 punti. 

L’Università di Cagliari si è classificata poco al di sotto, con 26,95 punti. 26 punti a pari merito sono stati aggiudicati ai progetti presentati da Agid e Politecnico di Bari. Il Comune di Catanzaro chiude la classifica dei progetti ammessi a finanziamento con 25,44 punti.

CNR, progetti d’avanguardia per la Digital Transformation

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.