logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

Coronavirus: servizi gratuiti per lavorare e studiare a distanza

 

Solidarietà digitalePiattaforme di e-learnig e servizi per lo smart working. Sono solo alcune delle soluzioni digitali messe a disposizione dalle aziende, sempre più numerose, che stanno aderendo all'iniziativa Solidarietà digitale, promossa dal Ministero per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione per ridurre l’impatto sociale ed economico del Coronavirus.

Coronavirus, Governo stanzia 25 miliardi: le misure per imprese, famiglie e lavoratori

Con il supporto tecnico dell’Agenzia per l’Italia Digitale, Solidarietà digitale promuove iniziative, servizi e soluzioni con l'obiettivo di migliorare la vita delle persone che in questo momento si vedono costrette a cambiare le loro abitudini permettendo di:

  • lavorare da remoto, attraverso connettività rapida e gratuita e l’utilizzo di piattaforme di smart working avanzate;
  • leggere gratuitamente un giornale anche senza andare in edicola o un libro senza andare in libreria sul proprio smartphone o tablet;
  • restare al passo con i percorsi scolastici e di formazione, grazie a piattaforme di e-learning.

Coronavirus: cosa si puo’ fare e cosa no fino al 3 aprile

Come partecipare a Solidarietà digitale

Le imprese interessate ad aderire all'iniziativa possono compilare un form online specificando i propri contatti e le caratteristiche del servizio gratuito che intendono offrire:

  • connettività e servizi
  • e-learning
  • informazione e intrattenimento
  • smart working

Le aziende possono scegliere se mettere a disposizione il servizio su tutto il territorio nazionale o solo in alcune regioni, se rivolgersi a cittadini e/o imprese.

Le aziende che hanno già aderito

Amazon, TIM, Vodafone e Wind sono solo alcune delle imprese che hanno già aderito all'iniziativa, con diverse tipologie di servizi.

Amazon, ad esempio, mette a disposizione una piattaforma di Cloud computing che offre un pacchetto di crediti per fornire a pubbliche amministrazioni, organizzazioni non governative e non profit, startup e imprese, l'accesso a un piano di supporto e a un canale di assistenza.

WeSchool è la piattaforma di classe digitale - promossa da TIM - che permette ai docenti, da smartphone, tablet o computer, di portare in modo molto semplice la propria classe online, condividere materiali, creare discussioni, discutere sui contenuti, gestire lavori di gruppo, verifiche e test.

Anche Vodafone e Wind hanno messo in campo servizi a supporto dei privati e delle imprese per facilitare il lavoro agile, per restare in contatto con colleghi, clienti e fornitori.

Alcune testate giornalistiche, come La Repubblica e La Stampa, si stanno attivando per mettere a disposizione migliaia di abbonamenti gratuiti per leggere la versione digitale dei rispettivi cartacei.

> Solidarietà digitale

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.