logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

CDP Venture Capital lancia l’acceleratore per startup Forward Factory

 

CDP Forward Factory - Foto di ThisIsEngineering da PexelsSi apre oggi la call per l’accesso a Forward Factory, l’acceleratore dedicato alle startup che sviluppano prodotti o soluzioni in ambito digital manufacturing, ovvero per l'Industria 4.0.

Faros, il nuovo acceleratore di startup della blue economy

Forward Factory  è un programma triennale, che prevede di accelerare circa 10 startup ogni anno, permettendo loro l'accesso ad un percorso della durata di sei mesi volto a consolidare il proprio ingresso sul mercato.

Il lancio dell'iniziativa rientra nella strategia della Rete Nazionale Acceleratori di Cassa Depositi e Prestiti, che si sviluppa nei principali distretti tecnologici del territorio nazionale per sostenere la crescita di startup specializzate negli ambiti ad alto potenziale di mercato.

"La manifattura industriale è stata completamente rivoluzionata dalla trasformazione digitale, che ha portato radicali cambiamenti nel modo di progettare e lavorare, sperimentando nuovi modelli produttivi  e ridefinendo la catena del valore su scala globale" ha dichiarato Francesca Bria, Presidente di CDP Venture Capital Sgr, "Investire in un programma di accelerazione dedicato alla manifattura digitale, significa investire nell’industria del futuro, e l’adesione di tanti partner e abilitatori di questo ecosistema innovativo dimostra la rilevanza di questo nuovo importante snodo della Rete Nazionale Acceleratori CDP”.

Come nasce Forward Factory?

Forward Factory è frutto di un’iniziativa di CDP Venture Capital Sgr, tramite il suo Fondo Acceleratori, ed è realizzato insieme a GELLIFY, Azimut Libera Impresa tramite Digitech Fund e altre otto realtà che operano in ambito industriale e manifatturiero.

Il programma, che sarà gestito dalla stessa GELLIFY, vede la partecipazione di primari corporate partner e investitori come: Azimut Libera Impresa tramite Digitech Fund, Comer Industries, Angelini Industries, SCM Group, Vis Hydraulics e PoggipoliniAuxiell, nella doppia veste di investitore, ecosystem enabler nell’ambito della lean production e infine Industrio Ventures, acceleratore specializzato in startup hardware e EIT Manufacturing, ecosistema dei principali attori manifatturieri europei, in qualità di ecosystem enabler.

Il percorso di accelerazione per startup dell'Industria 4.0

Forward Factory può contare sulla dotazione complessiva di 8,64 milioni di euro, di cui 3,57 milioni per successivi follow on post accelerazione.

Il programma è rivolto a startup in fase seed e early stage in grado di offrire servizi digitali per innovare i processi produttivi manifatturieri attraverso blockchain, AR, VR, industrial IoT, AI e big data, cyber security, cloud computing e robotica digitale.

Le startup italiane e internazionali che intendano aprire una sede legale in Italia possono presentare domande a partire da oggi e fino all'8 aprile 2022 sul sito forwardfactory.io. Quelle selezionate parteciperanno a un percorso di accelerazione durante il quale potranno accedere a contenuti verticali per crescere dal punto di vista imprenditoriale e tecnico, lavorando fianco a fianco con i gestori del programma, gli ecosystem enablers e le aziende manifatturiere investitrici fino alla progettazione ed implementazione di un POC (Proof-of-Concept) insieme ad esse, che ciascuna startup avrà modo di presentare e valorizzare nel corso del Demo Day finale.

L'iniziativa avrà sede a Casalecchio di Reno (BO) presso il Phygital Hub GELLIFY e potrà essere seguito dai partecipanti in modalità ibrida, fisica e digitale.

Guida all'European Innovation Council: i fondi europei per innovatori, PMI e startup

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.