logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

Bruxelles mette a confronto i PNRR. Italia sotto la media UE per impegni green

 

Ursula Von der Leyen - Copyright European Union 2021 - Photographer: Dati BendoAttraverso la piattaforma Recovery and Resilience Scoreboard, la Commissione ha reso accessibili i dati sull'avanzamento dei Piani nazionali di ripresa e resilienza degli Stati membri. Per ora si tratta di 22 PNRR, con l'Italia che assorbe da sola quasi 200 miliardi a fronte dei 250 miliardi degli altri Piani combinati.

Cosa prevede il Recovery Plan: risorse, mission, progetti e riforme

Il tabellone virtuale, presentato dalla Commissione europea il 15 dicembre, permette di monitorare sia i progressi dei singoli PNRR che lo stato dell'arte complessivo del Dispositivo per la ripresa e la resilienza, cioè lo strumento di Next Generation EU che finanzia i Recovery Plan dei 27. Una piattaforma online volta ad aumentare la trasparenza nei confronti dei cittadini, ma anche utile per la preparazione delle relazioni annuali della Commissione sull'attuazione del Recovery and Resilience Facility, della relazione di riesame al Parlamento europeo e al Consiglio e per il confronto in materia tra PE e Commissione.

Recovery and Resilience Scoreboard

 

 

Cosa c'è nel Recovery and Resilience scoreboard sui PNRR

Le informazioni contenute nella piattaforma si distinguono in due categorie: da una parte, ci sono quelle su traguardi e obiettivi dei PNRR, raccolte e valutate da Bruxelles nel corso della sua attività di monitoraggio, insieme ai dati sugli esborsi, sulle spese in ciascuno dei sei settori di intervento del RRF e sulla spesa in ambito sociale; dall'altra, ci sono i dati trasmessi dai Paesi UE sui 14 indicatori comuni in materia di comunicazione definiti nell'atto delegato sul Dispositivo per la ripresa e la resilienza del 2 dicembre 2021, sui i 27 devono riferire due volte l'anno - entro il 28 febbraio e il 31 agosto - per consentire il monitoraggio dei progressi compiuti nell'attuazione dei Recovery Plan e dei risultati complessivi ottenuti.

Attualmente il tabellone comprende i dati sui 22 Piani nazionali di ripresa e resilienza finora approvati dalla Commissione e dal Consiglio, ma le informazioni saranno integrate man mano che verranno approvati altri Piani. In più, l'Esecutivo UE aggiornerà i dati sul sito web del quadro di valutazione ogni anno entro aprile e ottobre.

Per approfondire: Accelera il PNRR: i dati aggiornati sul Recovery

Impegni green PNRR Italia sotto la media UE

Il confronto tra i singoli Piani permette di misurare la diversa entità delle risorse a disposizione di ciascun Paese e la differente modulazione degli impegni assunti, fermo restando il vincolo di destinare almeno il 37% dei fondi europei alla transizione ecologica e almeno il 20% del budget alla transizione digitale.

L'Italia è di gran lunga il maggior beneficiario del Recovery in termini assoluti, con 191,5 miliardi tra prestiti e sovvenzioni, mentre la Grecia è il paese in cui è maggiore l'incidenza del Piano rispetto al PIL (16,63%). Se si guarda invece agli impegni finanziari per le transizioni gemelle, l'Italia si colloca leggermente al di sotto della media europea: a fronte del 40% per la quota green e del 26% per il digitale stimati da Bruxelles per i PNRR nel loro insieme, l'Italia si ferma al 37,5% per la transizione verde e al 25,1% per quella digitale.

Per quanto riguarda invece il sostegno all'uguaglianza di genere e le misure rivolte ai giovani e all'infanzia, a livello UE Bruxelles ha identificato 115 interventi focalizzati sul tema gender equality e 320 rivolti alle giovani generazioni.

Recovery and Resilience Scoreboard

Visita la piattaforma Recovery and Resilience Scoreboard

Photo credit: European Union, 2021- Photographer: Dati Bendo

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.