logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

CDP Venture Capital lancia Next Age, il primo acceleratore in Europa per startup attive nella Silver Economy

 

Silver Economy - Foto di cottonbro da PexelsCon una dotazione iniziale di 5,46 milioni, Next Age mira a potenziare la crescita delle startup che operano nella Silver Economy, il settore dei prodotti e servizi dedicati alla popolazione over 50. La call per la selezione delle prime 10 startup che parteciperanno all’acceleratore è aperta fino al 31 maggio.

Dal MISE 2,5 miliardi per startup e PMI innovative per investimenti su digitale e green

Cosa si intende per Silver Economy?

Per economia della terza età o Silver Economy si intende il settore dei prodotti e servizi dedicati alla popolazione over 50. Si tratta di un settore trasversale e ampio che abbraccia soluzioni innovative per i bisogni emergenti della popolazione over 50, dal benessere alla salute, dai nuovi modelli abitativi e assistenziali alle attività ricreative, dalla mobilità al turismo, fino ai servizi finanziari e assicurativi dedicati. 

Quanto vale la Silver Economy?

Molto, più del Pil italiano. E secondo recenti stime la Silver Economy è destinata a raggiungere un valore di circa 5,7 trilioni di euro, pari a un terzo del Pil europeo, entro il 2025.

Il perché è presto detto: l’80% delle persone al di sopra dei 65 anni vive nelle 20 economie maggiormente sviluppate che insieme producono l’85% del PIL mondiale e, più degli altri, potrebbero beneficiare del “dividendo demografico” generato dai paesi emergenti. In questi ultimi, infatti, va aumentando la schiera delle persone in età lavorativa (tra i 30 e i 55 anni).

Recovery Plan, pronti a partire gli investimenti in startup e venture capital green

Next Age: l’acceleratore per startup della Silver Economy

Alla luce del grande potenziale di questo settore nasce Next Age, il primo percorso in Europa rivolto alle startup che sviluppano soluzioni dedicate alla Silver Economy.

A lanciarlo è CDP Venture Capital assieme a AC75 Startup Accelerator, l’acceleratore di startup promosso da Fondazione Marche insieme a Fondazione Cariverona e Università Politecnica delle Marche, alla società di venture capital internazionale SOSV, che gestisce programmi di sviluppo di startup in fase iniziale, e vede la presenza di Intesa Sanpaolo in qualità di main partner oltre che dell’Istituto Nazionale Ricovero e Cura Anziani (I.N.R.C.A.), dell’Università Politecnica delle Marche e dello UK National Innovation Center for Aging che saranno partner scientifici dell’iniziativa. 

Con una dotazione iniziale di 5,46 milioni, sottoscritti dal Fondo Acceleratori di CDP Venture Capital e da AC75 Startup Accelerator, Next Age mira a potenziare la crescita delle startup che operano nella Silver Economy. Oltre ad un primo investimento per le start-up selezionate dal programma la dotazione include i capitali per i successivi follow-on post accelerazione per le startup a maggiore potenziale di crescita.

Next Age è un programma triennale che prevede di selezionare ogni anno circa 10 startup in fase seed e pre-seed, che avranno accesso ad un percorso strutturato della durata di 4 mesi con il supporto dei partner dell’acceleratore, per essere guidate verso la validazione del proprio modello di business. 

La call per entrare a far parte dell’acceleratore Next Age

L’acceleratore Next Age avrà sede ad Ancona negli spazi di Palazzo Camerata, sede di AC75 Startup Accelerator e potrà essere seguito dalle startup partecipanti in modalità ibrida: fisica e digitale.

La call per la selezione delle prime 10 startup che parteciperanno a Next Age è aperta dal 4 aprile al 31 maggio sul sito www.nextage.io, le candidature sono rivolte a startup italiane e internazionali che intendano aprire una sede legale in Italia.

Per saperne di più sulla call consulta la scheda di sintesi

Foto di cottonbro da Pexels

Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.