logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

Cassa Depositi e Prestiti: approvato il Piano industriale 2011-2013

 

Euro banknotes - foto di Friedrich.KrombergIl Consiglio d'amministrazione di Cassa Depositi e Prestiti, riunitosi lo scorso 2 marzo, ha analizzato e approvato il Piano industriale di 2011-2013, puntando ad un consolidamento del ruolo di CDP come operatore di riferimento nella finanza a lungo termine. A tal fine, nel prossimo triennio, CDP immetterà nel sistema nuove risorse per oltre 40 miliardi di euro.

La Cassa intende perseguire questi obiettivi:

  • continuare a fornire un contributo determinante al finanziamento degli investimenti degli Enti territoriali
  • assumere il ruolo di catalizzatore dello sviluppo delle infrastrutture del Paese, realizzate in project financing e in PPP;
  • svolgere un ruolo centrale nella attività di sostegno delle imprese;
  • garantire la stabilità della raccolta postale e consolidare la raccolta di mercato.

Nello specifico, per quanto riguarda il settore pubblico, tenuto conto dei vincoli alla capacità di indebitamento degli Enti territoriali imposti dalle condizioni della finanza pubblica e dal Patto di stabilità interno, CDP manterrà e marginalmente incrementerà l’attuale rilevante quota di mercato, concedendo nuovi prestiti per 18 miliardi di euro.

Quasi 24 miliardi di finanziamenti e oltre 1 miliardo di investimenti in equity sono destinati alle infrastrutture e in generale agli interventi a sostegno del sistema produttivo. In particolare:

  • le nuove risorse per il finanziamento delle infrastrutture saranno pari a 11 miliardi di euro,
  • i volumi dei nuovi impieghi a sostegno delle imprese raggiungeranno i 14 miliardi di euro.

L’utilizzo di risorse private, come il risparmio postale e la raccolta di mercato, farà sì che questa attività a supporto della crescita del Paese avvenga senza incidere sull’indebitamento della Pubblica amministrazione.
La raccolta netta postale per CDP sarà pari a circa 36 miliardi di euro. Nuovi prodotti saranno introdotti per incentivare l’accumulazione del risparmio con un orizzonte temporale di lungo periodo.

Si legge nel Comunicato Stampa di Cassa Depositi e Prestiti che i risultati economico-finanziari attesi con la realizzazione del Piano 2011-2013 saranno caratterizzati da una crescita degli impieghi e della raccolta postale, dal mantenimento di livelli elevati di efficienza operativa e da un significativo incremento del patrimonio disponibile.

Nuove iniziative, i cui effetti non sono inclusi nel Piano, e che quindi potrebbero determinare un ulteriore aumento delle risorse messe in campo da CDP nel triennio, sono ancora in fase di studio, tra cui:

  • la creazione di nuovi strumenti per la valorizzazione del patrimonio degli Enti,
  • il supporto delle attività di imprese italiane all’estero,
  • la partecipazione a progetti europei a sostegno della ricerca e della tutela dell’ambiente,
  • nuovi investimenti equity in infrastrutture “greenfield”.
Per continuare a leggere gli articoli inserisci la tua...
o

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.