logo-gruppo-bancario-iccrealogo BCC-credito-cooperativo

L'UE investe ancora troppo poco negli appalti innovativi

Appalti innovativiSebbene gli appalti innovativi siano una risorsa per rilanciare l’economia, in Europa gli investimenti dedicati a questo strumento sono ancora troppo bassi. Lo rivela un recente studio della Commissione UE che mette a confronto diversi paesi europei.

Appalti innovativi in Italia: a che punto siamo?

Attraverso gli appalti innovativi la pubblica amministrazione lancia una sfida al mercato, sollecitando gli operatori economici a proporre nuove soluzioni alle esigenze espresse della PA e contribuendo alla crescita delle attività di R&S.

> Appalti innovativi: Smarter Italy, al via le gare su mobilita’ intelligente

Pochi investimenti per gli appalti innovativi: le differenze tra i paesi europei

Nello studio “Benchmarking of R&D procurement and Innovation Procurement Investments In countries across Europe”, la Commissione UE analizza sia gli appalti innovativi, che gli appalti per ricerca e sviluppo.

Le risorse investite per gli appalti innovativi ammontano a 304,6 miliardi di euro, pari all’1,8% del PIL e al 10,6% degli appalti pubblici, ossia la metà rispetto agli obiettivi di investimento fissati a livello europeo (3,6% del PIL e 20% degli appalti pubblici).

La situazione non migliora se prendiamo in considerazione gli appalti per R&S, che contano un totale di 16,6 miliardi di euro nei paesi europei, pari allo 0,1% del PIL e allo 0,58% del totale degli appalti pubblici. Si tratta di una percentuale ben al di sotto dell’obiettivo fissato a livello europeo di destinare il 3% delle risorse degli appalti pubblici a R&S.

Tuttavia la situazione varia da paese a paese. Combinando i dati sugli appalti innovativi e quelli per R&S, infatti, la Commissione UE ha distinto i paesi europei in 5 gruppi, in base alle performance registrate: strong performers, good performers, moderate performers, modest performers e low performers.

Appalti innovativi

Al primo posto tra gli strong performer spicca la Finlandia, seguita dal gruppo dei good performers: Austria, Paesi Bassi, Belgio, Svezia, Estonia, Norvegia, Spagna e Regno Unito.

L’Italia, invece, si colloca al 12esimo posto insieme ad altri 4 paesi (Germania, Francia, Slovenia e Lituania) nel gruppo dei performer moderati. Il punto di forza che ha permesso al nostro paese di rientrare in questa categoria è l’importanza strategica che viene riconosciuta agli appalti innovativi nelle politiche nazionali per R&S&I.

Ci sono però anche dei punti deboli, in primis la mancanza di una politica strutturata a livello nazionale sugli appalti innovativi, che provoca una forte frammentazione sul territorio a livello regionale.

Nel gruppo dei modest performers, invece, rientrano: Grecia, Slovacchia, Cipro e Malta; i restanti paesi si collocano nell’ultimo gruppo, quello dei low performers.

> Consulta lo studio sugli appalti innovativi

> Consulta i dati sull'Italia

Grafica a cura della Commissione UE

Questo sito web utilizza i cookie! Acconsenti ai nostri cookie, se continui ad utilizzare questo sito web.